2° RADUNO della 4^ FALCHI del 3/72

2° RADUNO della 4^ FALCHI del 3/72. La data va dal pomeriggio del 06 al 10 giugno ( questa volta ne approfittiamo per farci qualche giorno di mare).
Luogo del ritrovo: Base Logistica di Cecina (stesso della volta scorsa).
La cerimonia sarà il 08 giugno al C.A.PAR. Pisa (caserma Gamerra). Nel pomeriggio giro turistico a Piazza dei Miracoli, in serata rientro a Cecina e cena ufficiale.

4° in Addestramento a Foce Reno – Ravenna

Roberto Magallini e la  4^Cp Falchi – 2°Pl Addestramento Attacco di Plotone a Foce Reno con Mario ChinelliFazio Salvatore BUBINO,  Frassinelli Luca, De Muro, Fosconi DomenicoDestino AntonioSten.CeribelliMarco Di SabatinoMarco Fazio, Filo giovanni e Ceci Francesco presso Casalborsetti.

perché… quartafalchi

Questo sito nasce con il solo intento di mettere ordine nella storia della 4° compagnia Falchi, non sostituisce nulla di esistente, e non è migliore di altri, la speranzà e che piano piano si possa ricomporre questo puzzle, inizialmente testuale, poi con foto e filmati, ed aiuti a coordinare raduni ed iniziative socialmente utili, tutti coloro che ne faranno richiesta potranno essere editori del Blog inserendo la data e l’articolo in una sorta di Diario Falco.

Continueremo a portare rispetto per i nostri comandanti in pensione, anche se siamo civili da molto tempo, perché a noi piace così, chi ha donato i propri Vent’anni alla Folgore porta nel cuore quel senso di riconoscenza verso chi gli ha fatto capire che “non conosci l’impossibile”, perché se VUOI , PUOI … ed infatti da una Chat su FB ho rubato qualche ora al sonno per iniziare questo Sito/Diario che è di tutti quelli che sono ancora “Falchi”.

Alessandro 5/87

22.10.2011 – La 4°Falchi del 2011 e quel che resta della Vecchia

13.03.2011 – Roma – Raduno della 4 cp. FALCHI

  • David Berardi
  • Maurizio Mei
  • Massimo Amadei
  • Nicola Bacelle
  • Damiano De Angelis
  • Massimiliano Ferrari
  • Faratro Federico
  • Francesco Pedata
  • Angy Mantegani
  • Vito Coletti
  • Stefano Lupo Lunardi
  • Giuseppe Messana – 7/85

25.08.2009 – A Farah la Folgore sotto tiro sulla strada maledetta: due attacchi in 24 ore

 

A Farah, provincia maledetta nell’Afghanistan 
occidentale, i paracadutisti italiani sono 
di nuovo sotto tiro. Domenica notte una trappola 
esplosiva ha colpito una colonna del 
187˚ reggimento Folgore. Nel convoglio c’era 
anche il comandante, colonnello Gabriele Toscani 
De Col, testa pelata e mascella da parà, 
che è rimasto illeso, come gli altri soldati italiani. 
Ilsecondoattaccoèavvenuto sulla famigerata 
517, soprannominata «autostrada per 
l’inferno». I talebani hanno tirato sui parà con 
i mortai, masi saranno pentiti dopo la reazione 
della 6˚ compagnia Grifi. Alle 23.30 di domenica 
la colonna di paracadutisti avanzava 
nei pressi del villaggio di Masau nel distretto 
di PustheRud. Un postaccio infame,dove giovedì 
scorso, il giorno del voto presidenziale, 
erano stati attaccati i bersaglieri. I parà della 
4˚ Falchi avanzavano preceduti dagli Angeli 
neri, che vanno a caccia di trappole esplosive. 
Alessandro Di Lisio, saltato in aria in luglio su 
un ordigno, faceva parte di questa unità. Incollati 
ai visori notturni e coni fari spenti hanno 
cercato di individuare postazioni nemiche. 
A20-30 chilometri a nord ovest da campo 
El Alamein, la base della Folgore a Farah, il 
nono mezzo della colonna è saltato su una 
trappola esplosiva. Ancora una volta il Lince, 
il mezzo utilizzato dai soldati italiani,ha tenuto. 
I quattro parà sono rimasti illesi. 
Il secondo attacco è avvenuto verso le 14 di 
ieri, ora afghana. I paracadutisti della 6˚ compagnia 
Grifi erano usciti in missione da base 
Tobruk, l’avamposto nel famigerato distretto 
di Bala Baluk con i soldati dell’esercito di Kabul. 
«Bisognava scortare i rifornimenti a una 
base afghana» ha dichiarato da Herat il maggiore 
Marco Amoriello, portavoce del contingente 
italiano. Il fortino afghano conosciuto 
comela «garrison» si trova a ridosso della 517, 
la strada più infame della provincia di Farah, 
vicino alla roccaforte talebana di Shewan, dove 
dettano legge il mullah Sultan e i suoi 300 
talebani. Il capoccia degli insorti è un ex prigioniero 
di Guantanamo. I parà hanno raggiunto 
il fortino afghano e consegnato i rifornimenti, 
ma sulla via del ritorno sono iniziati i 
guai. I talebani hanno cominciato a tirare con 
i mortai. Gli italiani hanno individuato la minaccia 
e risposto al fuoco. Fra i parà non si 
registrano feriti. 
Fausto Biloslavo


IL DISCORSO DI ADDIO ALLA FOLGORE DEL GENERALE COSTANTINO

IL DISCORSO DI ADDIO ALLA FOLGORE DEL GENERALE COSTANTINO 6 Oct 2005
Autore: Redazione Congedati Folgore

PARACADUTISTI DELLA FOLGORE

È IL GIORNO DEGLI ADDII.

CEDO IL COMANDO DELLA BRIGATA,ED ESCO DEFINITIVAMENTE DAI RANGHI DELLA FOLGORE DOPO 28 ANNI, AVENDO GODUTO DEL PRIVILEGIO IMMENSO DI COMANDARE SEMPRE E SOLO PARACADUTISTI A TUTTI I LIVELLI, IN GUARNIGIONE E IN OPERAZIONE.

SI CONCLUDE OGGI, DI FATTO, LA MIA VITA OPERATIVA, CHE NON CONSIDERO COME UN MOMENTO DELLA MIA CARRIERA DI SOLDATO, BENSÌ L’ESSENZA STESSA DELLA MIA ESISTENZA, CHE NE HA GIUSTIFICATO LE SCELTE FONDAMENTALI E ALLA QUALE HO DEDICATO TUTTE LE MIE RISORSE.

LA FOLGORE DUNQUE COME SCELTA DI VITA.
LO E’ PER ME, COSÌ COME LO E’ PER VOI.
NON SI ENTRA NEI NOSTRI RANGHI PER CASO.
LA MANCANZA DI MOTIVAZIONI PROFONDE NON PERMETTEREBBE LA QUALITÀ DEI RISULTATI CHE GARANTITE, NE’ LA MOLE DEI SACRIFICI CHE IMPONETE A VOI STESSI E ALLE VOSTRE FAMIGLIE.

8°/93 – 4^Cp in partenza e rientro Capo Teulada dal Porto di Civitavecchia e Cagliari

4^Cp in partenza per Capo Teulada – 8/93
 Roberto Magallini, con Luca Frassinelli presso Porto Di Civitavecchia.

4^CP . Rientro da Capo Teulada - 8/93 — in Cagliari.

9.10.1993 – Mogadiscio, Check Point Obelisco

Roberto Magalini con Sergio Pulimeno e Fabiano Giari

Somalia – Mogadiscio 1993 – Check Point Obelisco – 4^Cp Falchi – 2°BTG Tarquinia – 187°RGT – Brigata Paracadutisti “Folgore”

Mogadiscio, Check Point Obelisco – 9 Ottobre 1993 …che notti …quelle notti…

 Roberto Magalini— con Stefano Massaro
ma non solo…

.

Roberto Magalini con Salvatore Madonia, Giovannielli Paolo, Emiliano Di Marzio, Carmine Lo Re, Massimiliano Matera e Martino Domenico